rieccomi ma….

…è l’ultimo post che metto per ora.
La pausa non è durata neanche tanto, ma per cause di forza maggiore. Mi son ritrovato su internet per aiutare mia sorella con le tesine per gl’esami dopo che la prof di lettere ha cambiato le carte in tavola!
Intanto le cose non sono cambiate, anzi ho ricevuto solo altri due di picche.
Ho riflettuto, ho cercato risposte alle mie domande e non le ho trovate… le mie domande sono quasi sempre le stesse, l’unica differenza è che non ci sono più alcune domande, e ovviamente non dirò a cosa fanno riferimento.
Ho analizzato i miei comportamenti e ho annotato tutto in un quadernetto… sono lunatico e inquieto, attratto dalle situazioni pericolose e quasi poco m’importa se posso farmi male.
Ma non è più quell’attrazione ispirata da un inconscio desiderio suicida, no.
Perchè stavolta lo sirito di conservazione è forte. Molto forte.
Avrei voluto forse essere un pò come Indiana Jones, e non vedo l’ora di poter vedere il suo ultimo film! (In uscita a maggio!)
  
 
Il gusto di una vita avventurosa… il mistero dell’archeologia… lo schiocco della frusta (no, non sono sadomasochista! Caldo)… le situazioni improvvisate e comiche… (guardate la prima parte!!! Linguaccia)

  

Forse è per questo che sarei voluto andare a vivere in Grecia. Scavare e scoprire passaggi segreti e reperti e rovine, c’è ancora cosi tanto da scoprire! Risolvere magari il mistero dell’oracolo di Delfi, o le complessità anche nascoste di Smirne (si è in Turchia, ma la civiltà era sempre quella lì, all’epoca!) o perlustrare millimetro per millimetro le residenze di Minosse a Creta, e le rovine di Iraklion, o carpire i misteri del culto di Persefone e di Hermes e di Pegaso e di tutti quegl’altri personaggi e dei dell’Olimpo.
Ma quel capitolo, la Grecia, è ormai chiuso. È troppo tardi! Pensieroso
Mi devo accontentare del mio modesto lavoro in Italia, paese che chissà dove andrà a finire, e dove a ragione, gli inglesi redattori del Times, tempo fa ci descrivevano (a ragione) un popolo di depressi (ma è sempre il nostro ad essere chiamato "Belpaese", remember this, "fools" of Her British Majesty!) ed a forza di voler cambiare una stupida mentalità di uno stupido paesino del mezzogiorno mi son consumato prima del tempo.
Lo ripeto sempre ai miei.
Non voglio tornare a vivere li, neanche se nevica all’inferno!
Piuttosto che tornare a vivere li, la morte! Davvero e senza scherzi.
Poco mi è rimasto dei miei sogni e dele mie speranze. La mia spensieratezza è messa continuamente a dura prova dalla vita quotidiana.
E come Indiana, e come Oriana, mi preparo ad affrontare questa avventura, certo non con la frusta, o la macchina fotografica, o la penna. Purtroppo. (Sarebbe stato più divertente! Animoticon)
Un pensiero mi viene sempre in mente, e cioè che è più facile abbandonarmi che tentare di conoscermi. Chiunque, anzichè approfondire una conoscenza e diventare amici, scappa lasciandomi di nuovo da solo.
E amareggiato e ferito dalla superficialità della gente, cammino e vado avanti con dubbi su di me, e su quale strada sto procedendo, e su quale meta mi prefiggo. Tante sono le incertezze, l’unica certezza per me è la solitudine, il che è peggio della morte.
Muori: tutto ti scivola via, il peso del corpo e delle sue ferite, e delle ferite dell’anima.
Resti solo: Senti il peso di ogni cosa, una passeggiata di 100 metri ti sembra una maratona di 1.000!
……….
Ho dovuto rimandare la mia escursione al 1° maggio, perchè il 27 mi tocca lavorare, e pazienza.
Quanta pazienza devo avere?
Tanti cambiamenti e quando intravedo delle speranze… riecco tenebre e paure. Triste
Tutto come prima dunque… In lacrime
Adesso andrò a mangiare un panino e poi me ne vado al cinema. Pellicola di film
La prima volta da quando… ehhh, da solo stavolta. Sembra sia questo il mio destino.
Ho già una sigaretta in mano. E fumo solo quando qualcosa non va.
E pensare che dico a tutti che fumare fa male!  Pensieroso
E comunque non mi fa paura pensare che potrei beccarmi un tumore ai polmoni o che il fumo uccide (le due scritte sul pacchetto), fra la morte e la solitudine……. ed un corso di schiocco della frusta in Romagna! (Ma ve l’immaginate la scenetta dei biglietti in romagnolo? "Mo non c’aveva mica i biglietti, sorbole!!!"  Linguaccia)
Fa un pò sorridere?
Adesso basta. Vado e spero che in questo tempo riuscirò a trovare me stesso. Ombrello
Un abbraccio a tutti.
 
 
Annunci

2 thoughts on “rieccomi ma….

  1. Sai già come la penso, quindi piantala di farti domande sul perché certe -non tutte- persone siano tanto superficiali o perché le cose non vadano come si vorrebbe. Porta pazienza, su. E vivi la vita, che vale la pena vivere.Un abbraccio.d.

  2. Carissimo Francesco…. la vita è dura e crudele… Ne abbiamo parlato tante volte…
    Fino a quando vedi solo le cose brutte nei paesi, nei luoghi e si, anche giu del tuo paese, non potrai mai trovare te stesso e la tua felicità!
    In tutto e in tutti ce il lato buono e il lato brutto. Dipende da te su cosa ti concentri. Tu ti concentri solo sul negativo e non trovi la forza di vedere il buono… IO sono pure stato in Grecia. E’ bella…. ma…. piu desolata della calabria!!! Non vedere il luoghi turistici o i riperti archeologici cosi mal conservati che ti fanno piangere, o i scempi che fanno li ricostruendo tutto e togliendo il fascino del passato! Vedi?? anche io posso vedere il negativo caro Francesco.. ma vedo anche il positivo. Concentrati su queste cose, le positive, perchè quelle meritano la nostra attenzione!!!
     
    un Bacio
    tuo amico (con orgogloi meridionale) Mario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...