2010 – seconda parte

Di quest’anno che si è concluso ci sono anche altre cose che rimangono…. a parte la tragedia estiva/autunnale già citata in precedenza, ce ne fu un’altra, alla fine di agosto… il matrimonio!

In 8 anni ho testimoniato a 7 matrimoni, con la speranza mia che ogni volta fosse l’ultima…e dei miei parenti che volevano appiopparmi la testimone come fidanzata…. Beh, dopo le papere che hanno fatto quest’ultima volta, tra la testimone sgraziata con il sedere pari alla regione autonoma friuli-venezia giulia, e le affermazioni sui miei gusti difficili poi spariti all’apparire della testimone, che con la sua “simpatia” ha rotto le benemerite a molti presenti…almeno la mia speranza si è realizzata!

Quella ultima discesa in calabria saudita è stata decisamente l’ultima per i prossimi 5 anni! Avevo voglia di andare all’estero per le vacanze, di varcare i confini italiani per piacere e non per altro motivo e invece…ed ogni volta che mi chiedevano quando andavo in ferie, ho sempre risposto alla medesima maniera: “io non vado in ferie… io vado ad un matrimonio!”

Ma prima del matrimonio son voluto tornare nella città che mi aveva preso il cuore e coccolato per 3 anni… Messina, la signora dello Stretto, che come molte città d’Italia è purtroppo una signora ormai disincantata e dalle aspettative mediocri, ma a cui vorrò sempre bene anche se ormai sono lontano… e anche qui, mi sono ripromesso di non passarci per i prossimi 5 anni, ma a differenza della calabria saudita, sono curioso di vedere cosa resterà, cosa cambierà, cosa ci sarà di nuovo e passando ogni anno di lì non potrò mai essere veramente obbiettivo.

  

Ma la prima parte di questa estate ha avuto dei risvolti davvero entusiasmanti, nel mese di giugno, prima in via sperimentale e poi in via definitiva, ho pubblicato un piccolo sito internet… e che ora vi presento…

http://eftapelagos.sitiwebs.com

…l’avevo creato pensando di sostituire il blog che stava perdendo ormai colpi, ma ho aspettato ad “inaugurarlo” perché ero ancora troppo attaccato al mio vecchio blog, alla sua grafica, e via dicendo…ma con l’anno nuovo ve lo voglio presentare, anche perché li ora pubblico pian pianino le mie fotografie… tranne quelle che mi ritraggono… vabbè, una ve la concedo, quella della carta d’identità 

Le prime foto pubblicate, sono quelle di un servizio fotografico che ho svolto il 7 luglio in occasione del 50° anniversario della strage di Reggio Emilia, il primo servizio fotografico o reportage, da anni a questa parte. Certo la figuraccia del telefonino che squillava nel momento in cui tutti stavano zitti è stata tremenda e spero di non essere finito sulla tv locale!!!

Qualche giorno dopo, il 10 luglio, dopo un pò di tam tam tra facebook e telefono, riuscii ad organizzarmi per andare a vedere la mia cantante preferita – In-Grid – esibirsi a Guastalla (la sua città) in occasione della serata “Rock e Gnock 2010” che oltre ad essere una serata di beneficenza, era dedicata alla memoria del padre della mia cantante preferita, Giorgio Alberini.
Arrivare a Guastalla, prendere un posto letto in ostello e poi andare in piazza a vedere le prove e fare qualche foto… poi l’emozione… conoscere Ingrid di persona! Ero quasi bloccato dall’emozione! Forse balbettavo pure!
Mi ha presentato una nuova amica, Monika, e poi ha posato per una foto con me! Ero emozionatissimo!!!
Andai a mangiare con Monika e poi ci precipitammo a vedere il concerto… bellissimo… non cantanva solo Ingrid, ma c’era anche un coro – i Vox Canora –  ed altri cantanti, i brani erano tutte colonne sonore di film celebri, e poi alcuni brani del repertorio di Ingrid… una serata indimenticabile! Ed ero in 2a fila!!!

 Questo che vedete nel video è solo una parte… peccato non aver trovato su youtube anche le altre esibizioni di quella serata!
S
cattai foto, e poi mi feci ritrarre altre due volte con Ingrid (decisamente ero emozionato… se mi faccio solo una foto è già un evento!!!) e quando mi congedai… la gaffe… anzichè “buonanotte” dissi “riposati”! Non ci pensai poi molto su.

Prima di arrivare all’ostello (con la bici prestatami dal gestore) sono andato a dare un’occhiatina ai lidi ma mi fermai prima di arrivare “alla luce dei lampioni”… mi dissi “hai già avuto molte emozioni, dai, vai a dormire che per oggi bastano!”
Prendere sonno non era stato facile, un pò per le zanzare, un pò per le emozioni di quel giorno, un pò anche per il fatto di esserci alla fine andato da solo, quando in realtà avremmo dovuto essere almeno in 3. La mattina dopo, mi svegliai e andai a fare una passeggiata in riva al Po, poi un cappuccino allo “chalet” dove una foto storica catturò la mia attenzione e ne parlai per un bel pò con l’anziano barista. Lasciato l’ostello, un’ultima capatina in centro ed una visita al palazzo ducale di Guastalla (che fu capitale di un piccolo ducato omonimo dal 1600 sotto la famiglia Gonzaga fino al Trattato di Aquisgrana del 1748) e poi a pranzo col buono dell’ostello e infine, alla stazione dove reincontrai Monika. Il caldo, la stanchezza… il viaggio sul trenino tremendamente rumoroso, beh… arrivai a Reggio che ero di nuovo pronto per andare a dormire… appena arrivato a casa, cambiai idea e mi recai in piscina per un paio di ore… quasi mi addormentavo facendo il morto a galla! Questo è stato l’avvenimento più bello dell’intero anno!!!

Qualche settimana dopo, io, un amico, ed una coppia di amiche, ci ritrovammo un sabato sera per vedere ai chiostri del museo uno spettacolo… quale? UNA TRAGEDIA GRECA!!! Che lavori tutta la settimana e poi il sabato sera come lo passi? Guardando la tragedia greca!!! Io non ero molto convinto, ma accettai per la compagnia. E non me ne pentii… se l’ultima tragedia greca che ho visto sembrava qualcosa del tipo…


(guardate dal 5° minuto in poi!)

 …questa volta, quello che ho visto è stato di gran lunga molto meglio delle mie aspettative! Peccato che non son riuscito a trovare su youtube video di questa interpretazione davvero avvincente e straordinaria!

Ma ultimo, ma non per questo, meno importante, un ricordo a 3 persone che hanno lasciato questa valle di lacrime… un Presidente della Repubblica che rimarrà nella memoria degli italiani per la sua personalità davvero fuori da ogni canone, Francesco Cossiga, e poi come non accennare alle immagini dello straziante funerale di Raimondo Vianello e le grida di Sandra che chiamava il suo amato marito non me le dimenticherò… e la Signora Sandra Mondaini lo ha raggiunto 5 mesi dopo…

Di altre cose su quest’anno ce ne sarebbero da scrivere, ma non voglio dare spazio ad altre tristezze – visto anche che in quel periodo avevo bisogno di una fata “cinerina” (era in bianco e nero, mica turchina) che cantando un pezzo di 70 anni fa mi rimetteva a posto la vita (anche se vestita un pò da vamp!) – e quindi visto che ho parlato di questa grande coppia che ci ha dato tanto e che ci ha lasciato nel’anno appena concluso, chiudo con dei loro divertenti video.

 

 
(per motivi tecnici, fate prima a cliccare sui collegamenti, perchè YouTube sta presentando problemi tecnici!)
 


 

B U O N   2 0 1 1   A   T U T T I ! ! !

Annunci

5 thoughts on “2010 – seconda parte

  1. Ciao Francesco! 🙂
    sono in ritardissimo per gli auguri ma spero che questo anno sia iniziato bene per te 🙂
    Il tuo blog lo sposterai sul tuo sito? o lo lascerai su wordpress?
    un saluto!
    Stefy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...