Miss Alabama e la casa dei sogni

Mi accorgo che, dopo questo, me ne è rimasto solo un libro da leggere… …scritto da Fannie Flagg!

Tutto parte dall’autunno 2008, quando Margaret Fortenberry, sessantenne, ex Miss Alabama, seconda classificata a Miss America, agente immobiliare disillusa e delusa dalla vita, pianifica il suo suicidio fin nei minimi dettagli, da gran signora (anzi, “signorina”) qual è. Tuttavia, per una serie di motivi sempre più importanti quanto imprevedibili, rinvia di volta in volta la sua tanto progettata dipartita. I personaggi che ruotano attorno alla sua vita (sia quella attuale che nei suoi ricordi) sono molto eterogenei: c’è Brenda, la collega nera sovrappeso che si vuole candidare a sindaco, con due sorelle e dei nipoti…; c’è Ethel, altra collega che non vuole svelare la sua età (ma alla fine sarà svelata e sarà un po’ una sorpresa) e che preferisce gli animali alle persone; c’è Hazel, la nana, portetntosa donna d’affari, fondatrice dell’Agenzia Immobiliare “Montagna Rossa”, dove lavorano le tre nominate sopra, ma anche se in realtà Hazel è morta 5 anni prima, la sua presenza si sente in tutto il libro; c’è Babs Bingington dal New Jersey, detta “la Belva”, una sleale concorrente dell’agenzia immobiliare Montagna Rossa, che non si fa scrupoli pur di avere successo negli affari; e c’è la vecchia signora Dalton con una casa particolare da vendere… Crestview… un simbolo della vecchia borghesia di Bimingham, Alabama, in cima alla montagna Rossa e che sovrasta il migliore panorama della città.

Una storia piena di donne e che sfiora molti temi, tutti presentati davanti al lettore, dall’imprevedibilità degli eventi e della vita!

Crestview, contiene uno scheletro nell’armadio, anzi, nel baule… …ma i gemelli Edward ed Edwina Crocker, non sono gli unici ad avere un segreto. Ogni personaggio ha un suo segreto ed una sua storia, gli intrecci divertenti ed intriganti tipici dei libri di Fannie Flagg, non deludono neanche stavolta. Il finale arriva a giugno del 2009 e, in fondo in fondo, è un po’ tirato ma è comunque un “lieto fine”! Ma mi fermo qui… …spoilerare un libro di Fannie Flagg non è carino! 😉

Ve lo consiglio caldamente!

Annunci

One thought on “Miss Alabama e la casa dei sogni

  1. Pingback: Hamburger e miracoli sulle rive di Shell Beach | Tαξίδια είναι το όνειρό μου και η αμαρτία μου

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...